• w-facebook

Tommaso Campagnuolo​

Dare forma e soprattutto calore a materiali resistenti e freddi non è facile, Tommaso Campagnuolo con la sua forza, il suo ingegno e soprattutto con il suo nobile ed umile animo da vero artista rende tutto questo una meravigliosa realtà.

Dina Scalera

Figure e forme che creano stabilità, attraverso il mescolarsi e l’intrecciarsi di materiali e colori che rivelano una sorta di amalgama che rappresenta i contrasti dell’esistere nell’audace contrapposizione delle forme classiche e perfette, frammenti di corpi che creano essenzialità nel biancore etereo di materiali e fissano radici interiori che fanno da contraltare ai dissidi esteriori di un mondo che sembra aver smarrito il proprio punto fermo e si appoggiano a qualcosa di stabile. Il granito nero, la pietra vulcanica e l’acciaio riescono a comporre figure che sembrano smembrarsi per ridar vita a un contenuto, sospese in aria come per ricreare l’eterno interrogativo sul senso della vita, un equilibrio magico che si protende verso il nulla. L’artista dona a questi materiali la capacità di convertirsi in forme particolari e assolutamente originali, spesso trafitte da qualcosa di pungente che esprime la sofferenza di un’anima a contatto con una realtà che ferisce profondamente.

Ilde Rampino